Da una ventina d’anni guardo la notte degli Oscar in tv. Prima coi miei genitori (giuro, di notte) poi organizzando pigiama party con altrə amicə con lo stesso "problema". Un po’ per i film, un po’ per i vestiti, un po’ per tifare contro Alejandro González Iñarritu.

Nota dell’autore: ogni riferimento a fatti, persone, pizzerie o Snyder Cut realmente accadute è puramente casuale.

Ecco, in un anno come quello appena trascorso che ci ha messo tuttə davanti a una versione del nostro mondo - esterno e interiore - inedito e inatteso, io ho continuato a vederci doppio.

Quando le cose si fanno complesse la cosa migliore, più che azzardare risposte veloci, è quella di porsi le giuste domande...

Ovviamente non tutte le previsioni ci azzeccano, è comprensibile, ma in alcuni casi il motivo era evidente fin da subito esercitando un po’ di spirito critico.

Negli ultimi anni sono stati compiuti progressi con la nascita del movimento #MeToo, eppure le donne in tanti film, sullo schermo e dietro la telecamera, si vedono e non si sentono.

3 cose che salviamo di questo anno funesto e che vi consigliamo di leggere, guardare o ascoltare se ve le siete perse. 1 cosa che proprio abbiamo detestato di questo 2020. Ed, infine, cosa ci aspettiamo dall'anno che verrà.